Tra Lazio, Umbria e Marche

    Un itinerario di 4 giorni alla scoperta di un incredibile patrimonio artistico e culturale e dei luoghi più belli e caratteristici delle tre regioni d'Italia.

    Un itinerario di 4 giorni, un weekend lungo, per visitare alcuni dei luoghi più belli e caratteristici tra Lazio, Umbria e Marche. Conosceremo un incredibile patrimonio artistico e culturale con la visita di Orvieto, Assisi, Norcia e Ascoli Piceno. Visitare Bagnoregio è sicuramente una delle esperienze più entusiasmanti che è possibile fare nel territorio della Tuscia. La bellezza della sua Civita, nota come “la città che muore”, rende questo piccolo comune del Viterbese una meta ambita dal turismo nazionale e internazionale. Assaggeremo Sagrantino di Montefalco, un vino di grande struttura ottenuto esclusivamente da uva di Sagrantino. L’uva sagrantino è coltivata da secoli sulle pendici delle colline umbre. Infine una visita alla scoperta della tenera ascolana, il simbolo gastronomico della terra picena, oggi finalmente tutelata e valorizzata grazie al marchio DOP.

    4 giorni / 3 notti

    da 505 € a persona

    prossime partenze

    Sei alla ricerca del viaggio su misura che fa per te? Se questo itinerario ti ispira, contattaci per personalizzarlo insieme a un nostro consulente. Decidi quando partire, quanto rimanere, categoria di servizi richiesti. Calcola il prezzo in base alle tue esigenze.

    Prossime partenze
    • 24/09/20 – 27/09/20

      505 €

    • 22/10/20 – 25/10/20

      505 €

    Cosa comprende la quota
    • Viaggio A/R in pullman Gran Turismo con partenza da Roma. Pullman a disposizione per tutto il tour.
    • Sistemazione in B&B o hotel di 3 stelle selezionati in camera doppia con servizi privati.
    • Trattamento di mezza pensione dalla cena del 1° giorno alla prima colazione dell’ultimo giorno.
    • Accompagnatore per tutta la durata del viaggio.
    • Auricolari per le visite guidate.
    • Visite con guida del Duomo di Orvieto, Assisi, Ascoli Piceno.
    • Pranzo del 1° giorno.
    • Visita in cantina con degustazione dei vini.
    • Visita in azienda agricola per conoscere la coltivazione della pianta di tenera ascolana con degustazione.
    Cosa non comprende la quota
    • Ingressi a musei e siti.
    • Pasti non esplicitamente indicati in programma.
    • Bevande ai pasti.
    • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce "Cosa comprende la quota".
    Itinerario

    Giorno 1

    La mattina incontro con l’accompagnatore e partenza per Civita di Bagnoregio, uno dei borghi italiani più belli e caratteristici. Civita di Bagnoregio, sopranominata “la città che muore” è un luogo magico e surreale. Situato sulla vetta di un'altura di tufo e raggiungibile solo attraverso uno stretto ponte pedonale dal quale si gode di uno dei panorami più spettacolari di tutto il Lazio.

    Visita libera della città.

    Pranzo a Lubriano, il paese affacciato a balcone sulla valle e sulla veduta di Civita di Bagnoregio.

    Arrivo a Orvieto, una città posta su una rupe di tufo vulcanico a 325 metri di altitudine. La pianta irregolare e le vie strette e tortuose conferiscono al suo centro storico la tipica impronta medievale.

    Una visita guidata del Duomo di Orvieto, un gioiello del gotico italiano. La costruzione ebbe inizio nel 1290. Intitolato a Santa Maria Assunta in Cielo, è tra le opere architettoniche medievali più prestigiose d’Italia.

    Tempo libero a Orvieto.

    Arrivo in hotel. Sistemazione nelle camere, cena e pernottamento.

    Giorno 2

    Colazione in hotel.

    Incontro con l’accompagnatore e partenza per Assisi. Una visita guidata di Assisi. Questa piccola oasi di pace, che domina dall’alto (424 metri) la valle umbra, costituisce un vero e proprio patrimonio per l’umanità.

    Dopo la visita di Assisi si parte per Montefalco. Il piccolo borgo di Montefalco offre affacci panoramici incantevoli, tanto da meritarsi l’appellativo di “ringhiera dell’Umbria”. Una visita in una cantina locale per la degustazione di Sagrantino di Montefalco, un vino di gran corpo, caldo e dall'intenso profumo di mora di rovo. La coltivazione del vitigno in questo territorio ha origini molto antiche. Lo stesso Plinio Vecchio nella sua Naturalis Historia cita l’uva itriola come uva tipica del territorio di Montefalco e alcuni studiosi l’accosterebbero al sagrantino attuale.

    Pranzo libero a Montefalco.

    Partenza per Ascoli Piceno. Lungo la strada una puntata a Norcia, il paese umbro immerso nel verde del parco Nazionale dei Monti Sibillini. Vie larghe con basse case ne caratterizzano il nucleo medievale, racchiuso nel giro delle mura trecentesche. La città è famosa per la sua “norcineria”, la nobile arte della lavorazione del carne suina, ed è infatti uno dei paradisi gastronomici più ricchi e ricercati.

    Arrivo ad Ascoli Piceno.

    Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

    Giorno 3

    Colazione in hotel.

    Incontro con la guida e una visita guidata di Ascoli Piceno. Ascoli Piceno è una bellissima città medievale delle Marche, considerata tra le più monumentali d'Italia. Punteggiata da torri e campanili e avvolta nel caldo colore dorato del travertino, che riveste quasi tutto il centro storico, la cittadina è circondata su tre lati dall’acqua dei fiumi Tronto e Castellano, che qui confluiscono.

    Tempo libero per pranzo.

    Tour alla scoperta della tenera oliva ascolana. Una visita in azienda agricola per conoscere la coltivazione della pianta di tenera ascolana, le fasi della lavorazione e i metodi di conservazione di questo straordinario prodotto, già decantato da Marziale e presente in tutti i banchetti dell’aristocrazia romana del I sec. A.C. Si potrà quindi degustare un olio extra-vergine di altissima qualità ed assistere alla preparazione della famosa oliva all’ascolana farcita e fritta.

    Rientro in hotel.

    Cena e pernottamento.

    Giorno 4

    Colazione in hotel.

    Rientro a Roma.

    True Blue Italy © 2020
    Via del Gesù 91
    00186 Rome - Italy
    P. IVA : 02692160605
    Società promotrice dell'agenzia di viaggio Europe Dimension Travel System autorizzata con determinazione n. 2361 di reg. rilasciata dalla Provincia di Padova in data 31.7.2007